Sordità del Border Collie


testo tratto ed adattato da “Il Libro del Border Collie” – F. Balducci – Ed. Ediemme – 2007


Casi di sordità congenita sono riscontrabili nel border collie, pur non trattandosi di una delle razze maggiormente colpite. In Gran Bretagna è ancora piuttosto ridotto, ma in aumento, il numero degli allevatori che sottopongono i propri cuccioli alla valutazione dei potenziali evocati uditivi (Brainstem Auditory Evoked Response, BAER), che permette di individuare la sordità nei cani fin dalla quinta settimana di età. La sordità neurosensoriale monolaterale o bilaterale è la conseguenza della degenerazione di alcune cellule recettoriali che si può verificare fra la terza e la quarta settimana di vita. In Italia è operativo un programma di prevenzione per le razze più colpite: questo consente la diagnosi precoce sui cuccioli e sarà presumibilmente adottato anche dagli allevatori di border collie nel momento in cui il numero dei casi segnalati dovesse diventare rilevante. Diagnosticare la sordità congenita soltanto osservando il comportamento del cane in presenza di stimoli uditivi ha un valore piuttosto limitato, particolarmente nel caso in cui si trattasse di sordità monolaterale. La modalità di trasmissione genetica non è stata studiata nel border collie: un gene autosomico recessivo sembrerebbe implicato nel caso di bull terrier, dobermann, rottweiler e pointer, razze nelle quali è per lo più associata ai fenotipi “mantello bianco” e/o “eterocromia dell’iride”. In particolare la sordità congenita è una delle anomalie patologiche associate al gene merle allo stato omozigote. Abbiamo già visto come l’individuo merle sia genotipicamente un eterozigote Mm. Allo stato omozigote mm il mantello è quasi completamente bianco, l’iride ed il tappeto lucido depigmentati e il cane il più delle volte è sordo, cieco e sterile. Naturalmente la nascita di questi soggetti deve essere evitata impedendo l’accoppiamento di soggetti merle fra di loro.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza di navigazione migliore. Ulteriori Informazioni